Benvenuto Visitatore!
Puoi effettuare il login o creare un nuovo account.
Il tuo carrello è vuoto!

Il pastore di Brancaccio | Nino Fasullo

Il pastore di Brancaccio | Nino Fasullo
Edizioni: il Palindromo
Codice Prodotto: 20148
Disponibilità: 63
12,00€ 10,20€

SCONTO DEL 15% E SPEDIZIONE GRATUITA

collana: E la mafia sai fa male
settembre 2018, pp. 148
11,5x16,5 cm., bross.
prezzo 12€
ISBN: 978-88-98447-48-0
 

Perché don Puglisi? Non è nella tradizione mafiosa uccidere preti. Per quale motivo allora? Forse perché i preti, dopo il Concilio Vaticano II, si sono fatti più vicini alla gente? O è cambiata la mafia? Don Puglisi conosceva la ferocia della mafia di Brancaccio, non si tirò indietro, ma bisogna evitare
di seppellirlo sotto il tumulo della retorica. Perciò è tempo di far propria la sua lezione e assumere una nuova strategia di contrasto alla violenza. La fine della mafia deve diventare responsabilità comune dei non-mafiosi. Per cui non si può continuare a dire solo: “mafiosi convertitevi”. È necessario passare a dire, con verità e umiltà: “convertiamoci”.

In appendice al libro sono contenuti importanti documenti sul dibattito interno alla chiesa seguito alla strage di Ciaculli del ’63.

Qtà:  Agg. al carrello  


Oppure scrivi una mail a ORDINI@ILPALINDROMO.IT
per ordinare questo prodotto

Scrivi una recensione

Il Tuo Nome:


La Tua Recensione: Nota: Il codice HTML non è tradotto!

Punteggio: Negativo            Positivo

Inserisci il codice nel box di seguito:



Prodotti correlati(13)
Almanacco siciliano delle morti presunte | Roberto Alajmo
Ricordi d'un viaggio in Sicilia | Edmondo De Amicis
Cammina, stronzo. Sbirri a Palermo | Piergiorgio Di Cara
Notturni | Libro collettivo numero due
L'eroe di Paternò | Paolo Pintacuda
La stanza dei lumini rossi | Domenico Conoscenti
Notturni palermitani | AAVV
Morte del piccolo principe e altre vendette | Claudia Palazzo
La parola è un rasoio | Salvo Licata
Riflessi a Palermo | AAVV
I fatti di Petra | Nino Savarese
Il vascello di Ishtar | Abraham Merritt
I vivi e i morti | Giuseppe Antonio Borgese